Acquistare, consumare, gettare e poi di nuovo acquistare.

Un ciclo che ognuno di noi ripetere mil­ioni di volte. Con­ser­vare qual­cosa per far­la durare nel tem­po o recu­per­ar­la per altri usi non fa più parte delle nos­tre abi­tu­di­ni. Il risultato?

Montagne di rifiuti pericolosi per la salute e difficili da smaltire.

Il moti­vo per prestare la mas­si­ma atten­zione alla rac­col­ta inte­gra­ta è una asso­lu­ta necessità.

Alcu­ni rifiu­ti (pile e bat­terie usate, far­ma­ci scadu­ti, inset­ti­ci­di) sono estrema­mente peri­colosi: inquinano il suo­lo, l’acqua e attra­ver­so la cate­na ali­menta­re pos­sono causa dis­a­gi all’uomo. Dob­bi­amo inoltre abit­u­ar­ci a pen­sare che le risorse del­la ter­ra non sono infinite.

Se non recu­pe­ri­amo i mate­ri­ali, non avre­mo più risorse per produrre.

Real­iz­zare una cor­ret­ta ges­tione dei rifiu­ti è un com­pi­to pri­or­i­tario delle politiche ambi­en­tali e sep­a­rare i rifiu­ti in base al tipo di mate­ri­ale per rici­clar­li è il modo migliore di affrontare il prob­le­ma. Dif­feren­ziare i rifiu­ti per­me­tte di recu­per­are mate­ri­ale rici­cla­bili e di sep­a­rare quel­li peri­colosi ed inquinan­ti da quel­li comu­ni. E’ indis­pens­abile che ognuno di noi parte­cipi atti­va­mente alla rac­col­ta inte­gra­ta dei rifiu­ti, accettan­do di cam­biare le pro­prie abi­tu­di­ni per con­sen­tire il recu­pero di materie prime, per una riduzione sostanziale dell’inquinamento, in defin­i­ti­va, un ambi­ente più puli­to ed una migliore qual­ità del­la vita.

QUALCHE SUGGERIMENTO…
  1. Non abban­donare residui da demolizione, elet­trodomes­ti­ci e rifiu­ti ingom­bran­ti lun­go le strade;
  2. Pres­ta la mas­si­ma atten­zione a rag­grup­pare nei vari sac­chet­ti solo rifiu­ti del­lo stes­so tipo;
  3. Riponi i rifiu­ti negli apposi­ti sac­chet­ti, chi­udili bene e riponili all’esterno dei palazzi/condomini;
  4. Recu­pera la mag­gior quan­tità pos­si­bile di vetro, plas­ti­ca, car­ta e umi­do, evit­erai che questi mate­ri­ali vadano a finire in discarica;
  5. Non gettare liq­ui­di nei bidoni, cosi non aumen­tano i cat­tivi odori;
  6. Non esitare a dare con­sigli ai vici­ni in dif­fi­coltà, è anche nel tuo interesse.
  7. Rispet­ta i giorni e gli orari pre­visti dal cal­en­dario di rac­col­ta, con­tribuis­ci all’igiene del­la tua città;
  8. Non abban­donare mai i rifiu­ti fuori dagli apposi­ti cassonetti:
  9. Fai atten­zione ai rifiu­ti peri­colosi: un litro di vec­chio olio, per esem­pio, potrebbe inquinare un pez­zo di mare grande quan­to un cam­po di calcio;
  10. Non gettare a ter­ra carte o rifiu­ti in genere. non rov­inare gli sforzi del­la comu­nità, non dare un’immagine di trascu­ratez­za del­la città.